venerdì 12 maggio 2017

Pensiero

Cos'è amarti se non un costante, meraviglioso, unico pensiero di te. Vivere per non finire dimenticato tra una folla anonima diretta a mete sconosciute e la speranza d'incontrarti, con la paura di non saperti dire: ti amo.

domenica 7 maggio 2017

Sofferenza


Pensi ch'io non soffra
quando la pioggia cade
sull'asfalto viscido,
reso tale da presenze
incessanti di lamiere
impazzite e variopinte.
E, invece, soffro, e
per l'umidità che penetra
le ossa e per la pioggia
che bagna il capo, difeso
da candide chiome,
resistenti al beffardo girare
dei giorni oramai contigui
alla parola fine.
Soffro per le non risposte
fuse con i tuoi tormenti,
colpiti dal fulmine
in un battito di ciglia.
L'orizzonte lontano
promette quiete,
frodando il cielo blu
e l'emergente sole.
Solo il fiume fluisce
veemente sotto il ponte,
agognando il mare aperto
per alienare il dolore.


                         Giuseppe Romano



6/05/2017



giovedì 4 maggio 2017

Sole


Ho trovato il sole
che faceva capolino
tra nuvole nere.

Dopo il temporale,
accompagnato
dall’arcobaleno.

La via ancora umida
delle lacrime di ieri
vergate ininterrottamente.

Il sole, apparso a spicchi,
tra le nuvole impazzite,
attende a scaldare il naufrago.

Briciole di speranza
tra i sassi abbandonati
sulla riva del fiume.


Giuseppe Romano

4/05/2017



PROGETTO POESIA IN AULA - RELAZIONE FINALE


Da una felice intuizione, scaturita dall'incontro informale tra il sottoscritto e la Prof.ssa Michela Bertuzzi, è nata l'idea di avviare il “Progetto Poesia in Aula” presso le prime classi della Scuola Media “Don Antonio Moretto” dell'Istituto Comprensivo di Malcesine.
A seguito di tale input, dopo le necessarie formalizzazioni e l'assenso della Dirigenza, nel mese di Gennaio, sono iniziati gli incontri con gli alunni della 1^A) e della 1^B), con il coordinamento delle Prof.sse Bertuzzi e Pietropoli, coadiuvate dalle loro preziose collaboratrici di sostegno.
Durante gli incontri, dopo il primo contatto propedeutico a sviluppare il concetto di “Poesia” nella sua accezione più vasta, si è proceduto alla presentazione e alla lettura ai ragazzi di opere di alcuni autori che rappresentano i cardini della Letteratura Italiana.
Ho ritenuto opportuno prendere in esame alcuni testi di autori dell'Ottocento e del Novecento come Pascoli, Pirandello, Totò (che nonostante la nomèa di attore comico scrisse alcuni bellissimi testi poetici), Guccini e ultimo, ma non ultimo, Giacomo Leopardi.
Nel corso degli incontri, inoltre, ho anche letto alcuni miei testi al fine di diversificare la poesia classica di autori noti con quella di un autore contemporaneo che vive la quotidianità dei nostri giorni.
Nel corso degli incontri ho avuto modo di constatare l'interesse e la curiosità per qualcosa di diverso della normalità di tutti i giorni con commenti sui testi letti assolutamente non banali.
Una lieta sorpresa, infine, la produzione da parte dei ragazzi di alcune poesie ispirate dal modo di sentire e di vivere il loro momento.
Credo che quest'ultimo aspetto sia la risultante più ottimale di tutto il Progetto.
L'avere stimolato i ragazzi a “pensare”, abbandonando il modo di essere virtuale e tecnologico di oggi, nonché catturare la loro attenzione durante i nostri incontri è la positività che è emersa da questo nostro percorso di poesia.
Vorrei ringraziare la Dirigente che mi ha consentito di sviluppare queste tematiche all'interno della Scuola e le docenti che mi hanno supportato durante gli incontri.
Un ringraziamento particolare, però, va ai destinatari di tutto ciò che con la loro curiosità, con le loro domande, con i loro commenti e con le poesie che alcuni di loro hanno scritto, hanno contribuito a rendere costruttivo ed intenso tutto il Progetto, con la speranza di avere la possibilità di parlare ancora di poesia.
Si ha l'albero se si pianta il seme.
Il nostro auspicio è quello di essere riusciti a seminare abbondantemente.

                                                                          Giuseppe Romano

        Malcesine, 4/05/2017


venerdì 28 aprile 2017

Metamorfosi



Lentamente,
al buio cammino,
angoscioso incontrarti.

Ancora il buio,
lancinante
il dolore.

In controluce,
il negativo che scruto,
il buio straziato.

Grida lontane
affogano lacrime,
compagne le urla.

Avanzo nel buio,
silenzio contiguo,
il vuoto d'intorno.

Macerie intricate,
con foglie ingiallite
a fare corolla.


                         Giuseppe Romano



28/04/2017

martedì 25 aprile 2017

Pensiero

Sentirai lacerare il cuore, riempirsi di lacrime gli occhi, sentirti mancare di botto. Resterai sola con il tuo dolore, in silenzio, pensando ai sorrisi mancati. Ma risolleverai il tuo mondo abbracciando il ramoscello che ti aiuterà a rivivere felici momenti. Il tempo allevierà le ferite che il destino ti ha procurato. Ci sarà un guardiano del faro: E tornerai a rivedere le stelle.
        25/04/2017

domenica 23 aprile 2017

Schegge



Così accade che uragani
improvvisi cancellino
piste di cemento,
indistruttibili per
comuni mortali,
pedoni quotidiani.

L'ordine degli addendi,
sconvolto dallo tsunami
spedito con lettera normale
giunta nella notte.

Le schegge,
scagliate sull'inerme
bersaglio,
visibili solo a te stesso.


                         Giuseppe Romano



23/04/2017
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...