giovedì 17 agosto 2017

Giacinti



I giacinti,
destinati,
incustoditi.



Orbi di desideri
trasmessi in codice
segreto, sfioriranno.


 
La mia poesia
schiacciata,
incatenata,
occultata
dai giacinti
abbandonati.



Le ombre della sera
preludono
al buio della notte.


                       Giuseppe Romano


15/08/2017

venerdì 4 agosto 2017

Appunti di viaggio

 

Come stai non ti chiedo,
malissimo, lo so. Ma devi
avere pazienza ed aspettare
che passi la piena del fiume,
tornando al fluire normale.

Dopo le guerre, che violentano
uomini e cose, torna la pace,
coi palazzi che rinascono belli,
con gli umani a meditare per
le macerie lasciate sul fronte.

Così è stato da sempre.

Non serve restare in silenzio
quando ti chiedono l'ora, o
versare ancora lacrime amare.
Quelle versate, dopo il tuono
esploso a cielo sereno, forse
non bastano a mondare il dolore,
ma il fiore che cresce ha bisogno
di cure, di humus, di luminosi
sorrisi, non per scordare, ma
per cementare i ricordi.

Arrampicarsi sui fianchi
dei monti, toccare la cima,
cadere improvviso di schianto.
Nonostante il dolore, si rialza
chi è forte, ne ho la certezza.

E non schiaffeggiare chi ti
tende la mano per starti vicino.
Mancate risposte o frasi pungenti
sferzano l'animo del nominato,
causando tormenti violenti.

Con il cielo terso ed il sole
nascente, interdetti a donare
speranze, con il mare che copre
la sabbia, affogando residue parole,
aumenti dolore a dolore.

                          Giuseppe Romano


3/08/2017

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...